Nessun prodotto nel carrello.

CHIUSURA ESTIVA - Gli ordini effettuati dal 31/07 al 16/08/2020 verranno spediti dal 17/08/2020

Carole Tolila e Anne-Charlotte Le Grand ci parlano della capsule collection

OurS’on

La nascita della collaborazione...

Cosa vi ha spinto a pensare a questa bella collaborazione insieme?

Carole : conoscevo il marchio perché avevo fatto un servizio per Les maternelles (france5) sugli occhiali per bambini e mi piacevano molto i loro modelli. Inoltre, quell servizio mi ha lasciato un bellissimo ricordo, la follia si era impadronita della scena quel giorno… avevamo riso molto. Comunque, qualche mese dopo, sono passata al Playtime e allo stand di Kietla. Era da un po’ che avevo in mente un’idea di occhiali per bambini.

Anne-Charlotte : L’incontro con Carole, frizzante, creativa e generosa! Ci siamo sempre divertite molto a immaginare questo progetto insieme e a fare in modo che i nostri piccoli occhiali conquistassero innanzitutto i bambini (ma anche le loro mamme 😉

Perché un paio di occhiali da sole a forma di animale?

Carole : Per dei visi da bambino ancora più irresistibili! Trovavo che gli occhiali da neonato dessero ai bambini un’aria troppo triste.  Troppo grandi, dai colori brutti, non adatti… insomma, pensavo non ci fosse niente che andasse bene. Volevo qualcosa di più divertente, più carino. All’inizio pensavo a questo modello a forma di gatto, ma alla fine ci siamo riorientate verso l’orso, perché potevamo fare un solo stampo.

Anne-Charlotte : Carole aveva in mente un Gattino per rendere gli occhiali più divertenti da indossare per i bambini. Per ragioni economiche e tecniche abbiamo pensato a una animale più tenero e carino e l’orsetto era perfetto!

Le tue ispirazioni

Quali sono state le vostre fonti di ispirazione?

Carole : Inizialmente nessuna. Ho davvero immaginato quegli occhiali nella mia testa. Quando ho iniziato a lavorare sul file per kietla e abbiamo dovuto riorientarci verso un orso, abbiamo creato un moodboard condiviso con Anne-Charlotte.  E lì chiaramente, alla vista di questo file… ci piaceva l’idea di un orsetto kawaii! Avevamo accumulato immagini che andavano in quella direzione!

Anne-Charlotte :  L’atmosfera estiva a fine giornata, le luci scintillanti dei nostri cucciolotti che giocano sulla sabbia fino al tramonto. Giochi di riflessi (che troviamo sui nostri occhiali) e colori tenui e accattivanti. Anche un’atmosfera più urbana e parigina, acciottolati, riflessi sulla Senna e un bambino tutto da sbaciucchiare davanti alla Tour Eiffel!

La collab'

Come descrivereste questi occhiali in 3 parole?

Carole : Divertenti. Pratici. Resistenti.

Anne-Charlotte : ADORABILI, DIVERTENTI e ORIGINALI!

La sfida del Made in France!

Perché un modello Made in France per questa collaborazione (un punto di forza di questa capsule)?

Carole : Mi piace valorizzare il nostro know-how, quindi questa mi sembra sempre l’opzione migliore. È vero che a volte è molto complicato quando si tratta di costi. Nelle mie collab, cerco sempre di produrre in Francia, ma devo anche adattarmi alle tecniche di produzione messe a punto dal marchio. Quando Anne-Charlotte mi ha dato la buona notizia e mi ha detto che saremmo riuscite a riportare la produzione in Francia… sono stata davvero felice! Beh, devo essere onesta, anch’io ero un po’ stressata. Per produrre in Francia abbiamo dovuto aspettare un altro anno, non tutto avviene con un semplice schiocco delle dita. Avevo molta paura che un paio di occhiali “animale” comparisse sul mercato. Lavoriamo a questo progetto da oltre 2 anni, quindi non vedevo l’ora di parlarne e di presentarlo!

Anne-Charlotte : Da diversi anni Ki ET LA ha intrapreso una procedura per la produzione in Francia. Questa collaborazione esclusiva con un forte valore aggiunto è per noi l’occasione perfetta per testare il gradimento dei nostri clienti per questo tipo di prodotti Made in France e per valutare un posizionamento di prezzo leggermente più alto.

Qual è stata la sfida più difficile per questo collab?

Carole : Per me si trattava di fare un modello ibrido. Poiché per problemi di costi abbiamo fatto un solo stampo, dovevamo trovare l’animale giusto e i colori giusti che piacessero a bambini, bambine e genitori! Dovevo fare degli occhiali rosa perché mia figlia impazzisce per questo colore (eppure vi assicuro che la cresco in modalità arcobaleno ma con lei non funziona!!!). Quindi non potevo farne un altro paio in blu! Dopo diverse prove ci siamo orientate verso il beige. Volevamo mantenere la somiglianza con l’orso, ma non amavo troppo i colori scuri. Comunque…spero che i colori piacciano ai bambini!

Anne-Charlotte : Trovare il partner francese giusto per realizzare il nostro prodotto e tutti gli attori coinvolti nel progetto in tempi record.

Le vostre azioni green

Parliamo di Made in France e di acquisti più responsabili, quali sono le vostre azioni green quotidiane?

Carole : Per quanto riguarda gli occhiali, non volevo che la confezione venisse gettata. Quindi ho proposto l’idea della formina. È stato molto complicato da sviluppare e da realizzare, ma i team di ki et la ce l’hanno fatta! Sono davvero fantastici!

Per il resto, ho limitato i miei viaggi di andata e ritorno in aereo, il mio consumo di carne, di plastica (non compro più pellicole trasparenti/sacchetti di plastica/poche bottiglie d’acqua). Compro biologico e sono passata al cotone lavabile.

Ho anche collaborato alla creazione di un festival chiamato “Familywood” per aiutare le famiglie in fase di transizione ecologica. Progetto sviluppato con Gaëlle d’Eveil et Conseil.

Anne-Charlotte : Non utilizzo più cotton-fioc da molto tempo (grazie alle parole di Carole che mi hanno convinta!), sono una compratrice (e venditrice) compulsiva di articoli di seconda mano…(Vinted non ha più segreti per me :-), ovviamente faccio la raccolta differenziata, mi sposto con i mezzi di trasporto o in bicicletta quando posso e soprattutto ho iniziato a insegnare a mia figlia gesti semplici per la tutela del pianeta.

Il vostro ruolo di mamma nella vita di tutti i giorni

Siete entrambe mamme, come vi destreggiate quotidianamente tra lavoro e vita familiare?

Carole : Corro, rifletto in continuazione e anticipo tutto. È fantastico poter lavorare e avere dei figli.  La vivo come una vera opportunità, ma devo ammettere che sono spesso sotto pressione. Destreggiarsi è il termine esatto. Siamo costantemente in equilibrio. Richiede molta energia e saper essere sempre produttivi. Ho anche la fortuna di avere un marito (Thomas Isle) che si occupa dell’educazione dei figli quanto me.

Anne-Charlotte : Una buona organizzazione! Un’agenda iCloud condivisa con un marito super presente (condivisione dei compiti a casa al 100%, se non addirittura 200!!!!) e lunghi weekend con regolarità per ricaricare le batterie e godersi i bei momenti con la famiglia. Privilegiamo la qualità dei momenti trascorsi insieme piuttosto che la quantità e ne beneficiamo tutti.

I tuoi progetti futuri

Quali sono i vostri progetti futuri?

Carole : Ho girato una mini-serie su una classe della prima elementare da sola per un anno per aiutare i genitori a capire cosa accade durante questo periodo. Ora cercherò di trovare i finanziamenti per il montaggio. È un grande progetto e spero che si realizzi!

Anne-Charlotte : Un secondo bambino che allargherà la nostra famiglia il prossimo giugno e tanti piccoli fratelli/sorelle per questo simpatico modello Ourson!